menuclose

NEWS

NEWS
PREVISIONE INFERIORE PER L'ECONOMIA SVIZZERA

PREVISIONE INFERIORE PER L'ECONOMIA SVIZZERA

10 October 2022

L'istituto economico KOF ha abbassato le prospettive economiche per l'economia svizzera, ma è improbabile che la recessione duri a lungo.

 

PEGGIORI PROSPETTIVE ECONOMICHE

L'istituto economico KOF è un'altra agenzia di previsioni che ha deciso di abbassare le prospettive economiche per la Svizzera, ma la recessione non dovrebbe durare a lungo, affermano gli esperti. L'Istituto svizzero di ricerca economica presso il Politecnico federale di Zurigo prevede ora una crescita del prodotto interno lordo (PIL) del 2,3% per il 2022 e dello 0,7% per il 2023. A giugno, l'istituto aveva previsto una crescita del 2,8% per quest'anno e dell'1,3% per il prossimo. In precedenza, altri istituti avevano abbassato le proprie previsioni sul PIL. La revisione è dovuta principalmente all'inflazione, che sta rallentando lo sviluppo del potere d'acquisto. L'inflazione è ora prevista al 3% quest'anno, i prima era del 2,6% per quest'anno, mentre l'anno prossimo sarà del 2,1% (in precedenza 1,5%). Il rallentamento delle esportazioni è anche una solida ragione per previsioni più deboli. Nel frattempo, il tasso di cambio del CHF è ancora forte, il che ha danneggiato anche le esportazioni, un pilastro dell'economia svizzera.

 

 

LE AZIENDE SONO PESSIMISTE

Oltre agli esperti, anche le aziende e il loro management sono pessimisti sul futuro. Secondo il sondaggio Deloitte della seconda metà del 2022, i Chief Financial Officer (CFO) delle società svizzere sono più pessimisti sulle prospettive economiche rispetto all'inizio dell'anno. Sono stati intervistati un totale di 127 manager, la maggior parte dei quali è pessimista sulla situazione economica del Paese ma crede che le loro aziende cresceranno presto. Con le prospettive per i prossimi 12 mesi che sembrano cupe, sei mesi fa il 22% dei CFO intervistati prevedeva un rallentamento significativo della crescita, mentre questa cifra è ora salita al 37% in un sondaggio. «La situazione geopolitica e le sue conseguenze dirette e indirette influenzano chiaramente l'umore delle aziende svizzere. Questa è un'espressione di preoccupazione, ma non indica ancora un vero e proprio crollo", scrivono gli autori di un sondaggio. I CFO sono principalmente preoccupati per i prezzi dell'energia, la congestione della catena di approvvigionamento, l'inflazione, le conseguenze dirette e indirette delle tensioni geopolitiche.

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch