menuclose

NEWS

NEWS
L'ECONOMIA SVIZZERA IN ESPANSIONE DOPO UNA CONTRAZIONE DEL PRIMO TRIMESTRE

L'ECONOMIA SVIZZERA IN ESPANSIONE DOPO UNA CONTRAZIONE DEL PRIMO TRIMESTRE

01 June 2021

L'economia svizzera si è contratta nel primo trimestre a causa dei consumi e dei servizi, ma si prevede che si riprenderà rapidamente.

 

Secondo blocco

Da fine dicembre a metà gennaio, il governo federale svizzero ha ricominciato a imporre restrizioni per arginare la diffusione del virus. Non hanno iniziato a rilassarsi fino all'inizio di marzo. Questo secondo periodo di confinamento, durato diversi mesi, con la chiusura di negozi, musei, ristoranti e caffè (che potevano aprire solo da fine aprile e solo all'aperto all'inizio) ha avuto un impatto enorme sull'economia, come mostrano i dati ora. La vita pubblica si sta lentamente riaprendo. Dal 31 maggio i ristoranti potranno servire i propri clienti anche al chiuso. Ma il settore alberghiero e della ristorazione ha ancora molta strada da fare per recuperare. Soprattutto che i turisti stranieri non sono ancora tornati.

 

PIL in calo nel primo trimestre

Nel primo trimestre l'economia svizzera si è contratta a causa del secondo lockdown, dei minori consumi e della parziale chiusura del settore dei servizi. Secondo la Segreteria di Stato dell'Economia, il prodotto interno lordo è diminuito dello 0,5%, dopo essere cresciuto modestamente dello 0,1% nel trimestre precedente a fine 2020. I dati per il quarto trimestre del 2020 sono stati rivisti al ribasso, il che significa che la Svizzera ha evitato di poco una doppia recessione per il 2020, con il PIL per l'intero anno a meno 2,9%. Oltre alla preclusione, l'economia svizzera ha risentito del tasso di cambio molto elevato del franco svizzero. La sopravvalutazione del franco svizzero è dannosa per l'economia svizzera, che è focalizzata sulle esportazioni. n tempi difficili gli investitori tendono ad acquistare franchi svizzeri che è un bene rifugio e quindi ne innescano un alto tasso di cambio.
 

Potrebbe essere peggio

Tuttavia, la situazione economica del Paese lo scorso anno e nel primo trimestre potrebbe essere peggiore. Per il 2020, molti paesi dell'area dell'euro hanno registrato un PIL molto più basso. Quest'anno il risultato ha risentito della tragica situazione di ristoranti e hotel, ma il settore ha registrato una forte crescita e ha impedito al PIL di scendere ancora di più. Ecco perché la Svizzera non ha vissuto un crollo economico simile a quello della primavera 2020 quando è scoppiata la pandemia, come riporta la SECO.

 

Percorso di recupero

Ci sono segnali di ripresa all'orizzonte. La vita pubblica sta riaprendo e quindi ora riprenderanno il settore dei servizi e dei consumi. Inoltre, osserviamo continuamente un forte ritorno dell'industria manifatturiera svizzera, che mostra ottimi risultati. I programmi di lavoro a orario ridotto impediscono che la disoccupazione raggiunga cifre più elevate. Inoltre, il commercio estero, in particolare l'esportazione di prodotti farmaceutici per i quali la Svizzera è famosa, sostiene ampiamente l'economia.

 

Bella prospettiva

L'istituto economico svizzero KOF fornisce una prospettiva molto positiva per l'economia svizzera per il 2021. Per il mese di maggio, il barometro economico KOF si attesta a 143,2, 6,8 punti in più rispetto ad aprile. Finché il programma di vaccinazione procede senza intoppi e il coronavirus è contenuto, il progresso dell'economia è solo questione di tempo. Come hanno affermato gli esperti del Politecnico federale di Zurigo (ETH Zurigo): "Il leggero calo del barometro nella seconda metà del 2020 è stato sostituito da continui forti aumenti nella primavera di quest'anno. Ancora una volta, il barometro è ben al di sopra la sua media a lungo termine." La previsione del KOF è in linea con la previsione di marzo del governo secondo cui, dopo un avvio lento nel 2021, l'economia si riprenderà e chiuderà l'anno con una crescita del 3%.

 

www.exchangemarket.ch
www.exchangemarket.ch