menuclose

NEWS

NEWS
LA BNS RISPETTA LA SUA POLITICA E POTREBBE AMPLIARE IL PROPRIO STATO PATRIMONIALE

LA BNS RISPETTA LA SUA POLITICA E POTREBBE AMPLIARE IL PROPRIO STATO PATRIMONIALE

02 June 2021

La Banca nazionale svizzera potrebbe espandere ulteriormente il proprio bilancio se necessario, afferma il suo presidente, poiché per il momento non è previsto alcun cambiamento di politica.

 

GRANDE BILANCIO, NESSUN PROBLEMA

                La Banca nazionale svizzera continuerà ad espandere il proprio bilancio se necessario, come dichiarato dal presidente del consiglio Thomas Jordan. “Un grande bilancio di per sé non è un problema. Possiamo espandere ulteriormente il bilancio, se la politica monetaria lo richiede", ha commentato Jordan al quotidiano Neue Zürcher Zeitung. Secondo Jordan, la ragione di ciò è il tasso di cambio di franco sizzero ancora molto alto e l'inflazione sotto lo zero. Ma Jordan sostiene, tuttavia, che gli interventi dovrebbero essere fatti solo quando necessario. Inoltre, ha rifiutato di focalizzare la politica monetaria solo sul tasso di cambio del CHF, sostenendo che c'è ancora molto margine di manovra nell'economia: "Sarebbe del tutto prematuro iniziare a ridurre il bilancio e ad inasprire le condizioni monetarie". Ha aggiunto che: "Sarebbe sbagliato segnalare al mondo ora che la BNS sarà la prima banca centrale a inaugurare una politica restrittiva".

 

E L'INFLAZIONE?

                L'inflazione è appena sotto lo zero e Jordan ha detto di preferire stabilizzare i prezzi a un massimo del 2% senza dover accettare un tasso superiore a quella soglia, come ha fatto la Federal Reserve. "La storia ci ha insegnato una lezione: una recessione è più probabile quando l'inflazione sta andando fuori controllo ed è necessaria un'azione per combatterla" – ha commentato. Jordan pensa anche che ci sia un piccolo rischio che l'inflazione salga rapidamente, anche se recentemente è diventata positiva. Il mercato del lavoro e le capacità produttive svizzere hanno ancora spazio per crescere e l'economia non è surriscaldata, il che significa che l'inflazione può rimanere sotto controllo.

 

MISURE NECESSARIE PER CONTROLLARE IL BASSO TASSO DI CAMBIO DEL FRANCO SVIZZERO

                Parlando al programma Talk Taeglich di Tele Zurich, Jordan ha anche commentato il record meno interesse e ha affermato che questi erano assolutamente necessari nell'ambiente attuale. "La nostra politica monetaria è appropriata perché abbiamo ancora un'inflazione molto bassa, il franco svizzero è molto forte e questo tende a esercitare pressione sull'inflazione", ha detto, aggiungendo che il consiglio della BNS non vede alcun motivo per cambiare la sua politica monetaria ultra-allentata . Il cambio di politica con tassi più alti significherebbe sicuramente il tasso di cambio più forte del CHF, come dice Jordan: “Dovete pensare... cosa succederebbe se la BNS alzasse i tassi di interesse adesso? Allora avremmo un franco molto più forte, avremmo un'inflazione negativa e non credo che ciò servirebbe a nessuno".

 

POLITICA DELLA BNS PER GARANTIRE UN BUON TASSO DI CAMBIO EUR-CHF

                La politica monetaria ultra-allentata con tassi di interesse a meno 0,75% è in vigore dal 2015. La banca è stata anche molto attiva sul mercato dei cambi. Solo nel 2020 ha speso 110 miliardi di franchi svizzeri (circa 122,86 miliardi di dollari come tasso di cambio medio) in valute estere per impedire al CHF di diventare ancora più forte. Le attuali disponibilità in valuta estera della BNS ammontano a 900 miliardi di franchi (1,1 trilioni di dollari) dopo un programma di interventi a lungo termine sul mercato dei cambi.

 

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch