menuclose

NEWS

NEWS
LA CRISI ENERGETICA DURERÀ PER ANNI

LA CRISI ENERGETICA DURERÀ PER ANNI

25 October 2022

La crisi energetica rimarrà – almeno per alcuni anni, secondo il ministro dell'Economia svizzero Guy Parmelin. Sostiene che il problema non si limita solo al prossimo inverno. 

 

CRISI ENERGETICA

Come molti altri paesi europei, la Svizzera sta affrontando una crisi energetica. Il prossimo inverno potrebbe essere duro in termini di prezzi dell'energia e potrebbero esserci anche carenze poiché la Russia taglia le forniture di gas. Questa è certamente una brutta notizia, ma ancora peggio arrivano i commenti del ministro dell'Economia svizzero Guy Parmelin, che ha recentemente affermato che la crisi energetica potrebbe durare per diversi anni. Non solo questo inverno sarà problematico, ma ce ne saranno altri in arrivo, quindi è importante che la Svizzera garantisca la produzione di più energia, in particolare di energia rinnovabile, e garantisca una maggiore efficienza nella produzione di energia. Secondo le analisi, la Svizzera dipenderà ancora da gas e petrolio nel 2023 e nel 2024. Dopo questi due anni, tutto dipenderà da quanto velocemente la Svizzera potrà espandere la sua produzione e diventare meno dipendente da queste fonti, che stanno diventando sempre più costose e sono diventate instabili in Europa.

 

PREPARARSI ALLA CRISI

La Svizzera è preparata per una possibile carenza di energia e prezzi elevati di petrolio e gas? Molti sostengono che questo non sia sufficiente. Secondo Parmelin, infatti, i rischi di una crisi energetica sono stati sottovalutati dal governo: "Negli ultimi decenni la Svizzera è stata troppo dipendente dalle importazioni di energia". Il Consiglio federale aveva lanciato una campagna di risparmio energetico e i primi risultati sono stati soddisfacenti. Ha aggiunto: "Il pubblico è stato informato del problema. I prezzi dell'energia sono ancora alti.” Che cosa è stato fatto per le potenziali carenze energetiche? Parmelin ha affermato che esiste una regolamentazione per il gas, mentre nessuno ha previsto tali problemi per l'elettricità prima della fine di marzo. Tuttavia, i regolamenti per l'elettricità dovrebbero essere in vigore entro la fine di novembre. Il governo si sta impegnando per rendere le normative più favorevoli alle imprese collaborando con le associazioni per un periodo di tempo più lungo. Successivamente la bozza sarà negoziata e il governo deciderà cosa fare. Il governo svizzero ha proposto piani per creare centrali elettriche di riserva per evitare carenze e garantire l'approvvigionamento energetico durante l'inverno.

 

CRISI ECONOMICA?

La crisi energetica sarà seguita da una crisi economica? La Svizzera ha dovuto affrontare problemi economici negli ultimi anni, con la pandemia di COVID-19, un'inflazione più elevata e un tasso di cambio del franco svizzero molto buono per i frontalieri, ma che ha colpito le esportazioni e altri settori. Adesso la crisi energetica è imminente, e anzi Parmelin teme che ciò possa sfociare in un'altra crisi economica. Soprattutto che la Germania, il più importante partner commerciale della Svizzera, sta affrontando una possibile recessione. Questo può avere un enorme impatto sull'economia svizzera.

 

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch