menuclose

NEWS

NEWS
APPETITO PER IL CHF E LE VALUTE RIFUGIO SICURO

APPETITO PER IL CHF E LE VALUTE RIFUGIO SICURO

17 August 2021

Martedì il tasso di cambio del CHF è rimasto stabile poiché gli investitori ora hanno voglia di investimenti sicuri piuttosto che di quelli più rischiosi.

 

Umore per il rischio

Sia il franco svizzero che lo yen giapponese, due dei beni rifugio più popolari, hanno mostrato buoni tassi di cambio martedì poiché gli investitori non erano dell'umore giusto per fare investimenti rischiosi. Il tasso di cambio del CHF è stato di 1,0745 franchi contro l'euro e di 0,9124 franchi contro il dollaro USA. Il tasso di cambio CHF / EUR era vicino al massimo di nove mesi che aveva raggiunto all'inizio di questo mese. Anche il dollaro USA, considerato pure una valuta sicura, è rimasto stabile. C'erano solo poche ragioni per l'umore degli investitori di acquistare in franchi svizzeri e altre valute. Innanzitutto, la diffusione della nuova variante COVID-19, la variante Delta. In secondo luogo, i dati economici deludenti dalla Cina. E in terzo luogo, la difficile situazione in Afghanistan, dove i talebani hanno preso il potere.
 

EUR/CHF nuovi minimi

Il fatto che il tasso EUR/CHF abbia toccato nuovi minimi quest'estate è una delle mosse più evidenti nel mercato forex, che per il resto è stato abbastanza stabile ultimamente. Di solito il CHF è forte, ma oggi la politica della BCE sembra influenzare il tasso EUR, che a sua volta porta a un tasso CHF più alto. A marzo EUR/CHF è stato scambiato a un buon livello di 1.1150, ma poi ha intrapreso un percorso deludente. Va notato, tuttavia, che la bassa inflazione in Svizzera significa che il valore reale del CHF potrebbe essere del 4% inferiore ai massimi del 2015. Il forte calo del tasso di cambio reale dell'euro durante l'estate potrebbe essere dovuto al fatto che il mercato sta assumendo che la Banca centrale europea manterrà i tassi di interesse nominali bassi per un periodo di tempo più lungo o che la sua strategia deliberativa funzionerà. La BCE continua ad espandere il proprio bilancio, mentre la BNS mantiene la sua politica di bassi tassi di interesse e numerosi interventi sul mercato dei cambi. La BNS non ha abbastanza risorse nel mercato interno per condurre un QE di successo come fa la BCE.

 

Qual è il prossimo per il tasso di cambio CHF?

Quando la BNS è preoccupata che il tasso di cambio del CHF sia troppo forte, di solito interviene sul mercato dei cambi. Alcuni esperti ritengono che la banca abbia un limite di tolleranza di 1,03 per il tasso di cambio EUR/CHF prima di intraprendere un'azione aggressiva sul mercato valutario, poiché questo valore è più vicino al CHF ponderato per l'economia reale. Altri puntano a 1,05 o addirittura a 1,07. Il primo valore è vicino al minimo dell'anno scorso. Alcuni segnali sull'orientamento della politica della BNS potrebbero essere forniti dopo la prossima riunione del 23 settembre. Tuttavia, la prospettiva a lungo termine di un tasso di cambio EUR/CHF più forte viene ora posticipata al 2022, a seguito della possibile svolta nel ciclo della BCE.

 

www.exchangemarket.ch
www.exchangemarket.ch