menuclose

NEWS

NEWS
RIDUZIONE DEL TRASPORTO TRANSFRONTALIERO NELLA LOTTA CONTRO IL CORONAVIRUS IN SVIZZERA

RIDUZIONE DEL TRASPORTO TRANSFRONTALIERO NELLA LOTTA CONTRO IL CORONAVIRUS IN SVIZZERA

18 March 2020

La Svizzera sta adottando misure più severe per combattere la diffusione del coronavirus, riducendo il traffico transfrontaliero e respingendo alcune persone alle frontiere.

Meno pendolari transfrontalieri

Questo mese, il numero di pendolari e turisti transfrontalieri che entrano in Svizzera è già diminuito del 37% rispetto al mese precedente. I controlli alle frontiere sono stati introdotti ai confini con Germania, Austria e Francia. Christian Book, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane FCA, ha annunciato che fino a 2.200 persone sono state allontanate alle frontiere svizzere entro martedì. Il Cantone Ticino, che confina con l'Italia, è il più colpito, il paese con la peggiore situazione al mondo in relazione alla pandemia di coronavirus. Lunedì 16 marzo il traffico transfrontaliero è stato del 73% inferiore rispetto al 17 febbraio.

Misure ai confini

Per gestire meglio il traffico, sono stati chiusi 130 valichi di frontiera e ne potrebbero seguire altri. Di conseguenza, ci sono ingorghi ingenti ai confini svizzeri. Nel paese possono entrare solamente le persone residenti in Svizzera, i titolari di permessi di lavoro (come i pendolari transfrontalieri) o i permessi di residenza, nonché le persone che viaggiano attraverso la Svizzera per recarsi in altri paesi. La circolazione delle merci - esportazione, importazione, transito - funziona normalmente. Anche se si può osservare una certa diminuzione del volume, comunque non si tratta di misure allarmanti.

Situazione straordinaria

Lunedì il governo svizzero ha annunciato una situazione straordinaria legata alla pandemia di coronavirus. Di conseguenza, sono state introdotte misure rigorose per limitare le riunioni di massa. Tutti gli eventi pubblici e privati ​​sono vietati. Ristoranti, bar, nonché siti culturali, cinema, impianti sportivi e centri commerciali sono chiusi. Sono aperti solo negozi che forniscono beni importanti, come negozi di alimentari, panetterie, farmacie, banche e uffici postali. ExchangeMarket.ch è ancora aperto come ufficio di cambio online. Puoi facilmente acquistare e vendere euro. Questo vale almeno dal 17 marzo al 19 aprile a mezzanotte. Gli ospedali, le cliniche e gli studi medici rimangono aperti, ma eseguono solo le procedure necessarie. Anche le scuole resteranno chiuse fino al 19 aprile, ma i centri di assistenza all'infanzia devono rimanere aperti se non vi sono altre strutture adeguate per l'infanzia nella regione, come previsto dai Cantoni. Le Ferrovie Federali Svizzere hanno cancellato tutti i collegamenti nazionali internazionali e limitati. I treni tra le grandi città ora passano ogni ora anziché ogni 30 minuti. Il personale militare è mobilitato per contenere il coronavirus – in numero di 8.000, la più grande mobilitazione del genere dalla seconda guerra mondiale. Le persone a maggior rischio di complicanze dovute a coronavirus dovrebbero lavorare da casa o prendere il congedo retribuito.

Colpito dalla pandemia

La Svizzera è uno dei pochi paesi oltre a Italia, Spagna, Francia e Germania che sono attualmente gravemente colpiti dalla pandemia di coronavirus. Finora, nel paese oltre 2.600 persone sono state infettate. Il numero aumenta ogni giorno. Oltre alla vita sociale, alla cultura, allo sport anche l'economia è gravemente colpita dal crollo delle scorte e dai tassi di cambio fuori controllo. Fino a poco tempo fa, il tasso di cambio del franco svizzero stava aumentando poiché gli investitori tendono ad acquistare franchi svizzeri in periodi di turbolenza, così come altre valute considerate un rifugio sicuro. Il tasso di cambio del franco è aumentato insieme all'oro e allo yen giapponese. Ora che il coronavirus è diffuso quasi ovunque, anche i rifugi sicuri non si sentono più così al sicuro.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch