menuclose

NEWS

NEWS
LA SVIZZERA NON È PIÙ UN MANIPOLATORE DI VALUTA, SECONDO GLI STATI UNITI

LA SVIZZERA NON È PIÙ UN MANIPOLATORE DI VALUTA, SECONDO GLI STATI UNITI

06 December 2021

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha confermato nel suo nuovo rapporto che la Svizzera non è più un manipolatore di valuta. Il paese è stato etichettato come tale lo scorso dicembre.

 

La Svizzera non è più un manipolatore di valuta

    Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha confermato venerdì che la Svizzera non è più considerata un manipolatore di valuta. Lo scorso aprile, ha affermato che non c'erano "prove sufficienti" per nominare la Svizzera come un manipolatore di valuta, anche se il paese ha soddisfatto due delle tre condizioni richieste per ottenere il famigerato marchio. Oggi gli Stati Uniti hanno confermato che la Svizzera non è considerata affatto un manipolatore di valuta, ma il Dipartimento del Tesoro continuerà a rivedere gli interventi della Banca nazionale svizzera nel mercato dei cambi. Nel loro rapporto semestrale, gli Stati Uniti non hanno accusato nessun paese di essere un manipolatore di valuta, ma 12 paesi sono ancora strettamente controllati dagli Stati Uniti per quanto riguarda la loro politica monetaria. Il rapporto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti si concentra sui paesi che hanno grandi eccedenze commerciali a causa di massicci interventi nel mercato dei cambi per evitare che il tasso di cambio della loro valuta diventi troppo forte. Di conseguenza, le loro esportazioni diventano più competitive.

 

La BNS è in contatto

    Dopo il rapporto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, la BNS ha rilasciato una dichiarazione separata, in cui ha affermato che avrebbe mantenuto i contatti con il governo degli Stati Uniti. Il Dipartimento federale delle finanze svizzero ha dichiarato che: "La Svizzera non manipola il franco", e che gli interventi della banca centrale "sono necessari per la politica monetaria svizzera, per assicurare condizioni monetarie adeguate e garantire così la stabilità dei prezzi".

 

Etichettato

    La Svizzera è stata in difficoltà a causa della sua politica monetaria espansiva volta a impedire che il tasso di cambio del franco andasse fuori controllo. Lo scorso dicembre, il paese è stato definito un manipolatore di valuta. Alla fine dell'anno, il patrimonio totale della BNS ha raggiunto i 999 miliardi di franchi svizzeri, rispetto agli 861 miliardi di franchi svizzeri dell'anno precedente, e le riserve valutarie totali si sono attestate a 962 miliardi di franchi svizzeri. La maggior parte di queste riserve era detenuta sotto forma di valuta estera. Gli acquisti di valuta estera e l'enorme surplus commerciale indicano che il paese ha raggiunto due delle tre soglie richieste per guadagnare l'etichetta di manipolatore di valuta. Per essere nella lista manipolativa, un paese deve avere un avanzo commerciale bilaterale di almeno 20 miliardi di dollari con gli Stati Uniti, interventi valutari superiori al 2% del prodotto interno lordo e un avanzo di bilancio complessivo corrente superiore al 2% del PIL. La BNS ha speso molti soldi in interventi perché, in tempi di pandemia di COVID-19, molte persone si sono rivolte al franco svizzero come valuta rifugio, il che ha reso il suo tasso di cambio molto forte. Poi, ad aprile, la Svizzera è stata tolta dalla lista, insieme a Vietnam e Taiwan, dopo che gli Stati Uniti hanno affermato che non c'erano prove sufficienti per dimostrare che questi paesi stanno manipolando i loro tassi di cambio. Attualmente, l'avanzo della bilancia dei pagamenti della Svizzera è al di sotto della soglia richiesta per essere considerato un manipolatore.

www.exchangemarket.ch
www.exchangemarket.ch