menuclose

NEWS

NEWS
TASSO DI CAMBIO EUR CHF VICINO AL LIVELLO MINIMO DEL 2021

TASSO DI CAMBIO EUR CHF VICINO AL LIVELLO MINIMO DEL 2021

12 October 2021

Il tasso di cambio dell'euro si è avvicinato al livello più basso del 2021 nei confronti del franco svizzero, dopo aver perso complessivamente il 2% da metà settembre.

 

DEBOLEZZA DELL'EURO

Lunedì, il tasso di cambio EUR CHF ha raggiunto un livello vicino al minimo di quest'anno, poiché è sceso di oltre il 2% contro il franco svizzero da metà settembre. Questo è il risultato della buona performance delle valute rifugio che sono attualmente richieste. Gli indicatori globali della situazione economica danno alcuni segnali di allarme. Ad esempio, l'indicatore ZEW per il sentimento economico in Germania è sceso per il quinto mese consecutivo. È un altro indicatore che mostra che ci sono congestioni nella catena di approvvigionamento globale che impediscono all'economia europea di riprendersi. Inoltre, un sondaggio mensile sul sentiment di mercato condotto da Deutsche Bank in ottobre ha mostrato che la stragrande maggioranza degli intervistati ritiene che i rendimenti dei titoli del Tesoro USA aumenteranno dai livelli attuali. Per la prima volta dalla fine di maggio, i rendimenti a dieci anni hanno ora raggiunto l'1,60%. Questa è una delle ragioni principali per i movimenti nel mercato valutario. L'indice del dollaro, che misura la performance dell'USD rispetto alle altre sei principali valute, compreso il CHF, si è attestato a 94,30, vicino al massimo annuale di 94,504 raggiunto alla fine del mese scorso. Gli investitori in USD si stanno preparando per il possibile annuncio da parte della FED a novembre secondo cui gli esperti prevedono che rallenterà il suo enorme programma di acquisto di obbligazioni.
 

GLI INVESTITORI VOGLIONO ACQUISTARE FRANCHI SVIZZERI INVECE DI JPY

La domanda di sistemi di rifugio sicuro era alta per tutti tranne che per lo yen giapponese. Gli investitori volevano acquistare franchi svizzeri, tra le altre cose, ma lo JPY non era richiesto. Di conseguenza, la valuta giapponese non è stata lontana dai minimi di tre anni di martedì, perdendo il 4% contro il dollaro USA nelle ultime tre settimane. Anche rispetto ad altre valute lo yen è sceso – come euro, sterlina inglese, dollaro australiano – avendo il tasso di cambio vicino ai minimi da più mesi. Ciò è stato causato da un aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA e del prezzo delle materie prime, compreso il petrolio, che ha portato gli investitori ad abbandonare le posizioni in JPY. Inoltre, il nuovo primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato nel fine settimana che non modificherà le tasse del paese su dividendi e plusvalenze, il che ha preoccupato gli investitori per i deflussi dal mercato azionario.

 

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch