menuclose

NEWS

NEWS
REVISIONE DELLE PROSPETTIVE PER IL PIL SVIZZERO PER IL 2020

REVISIONE DELLE PROSPETTIVE PER IL PIL SVIZZERO PER IL 2020

13 August 2020

La previsione del prodotto interno lordo per la Svizzera è stata rivista dagli economisti. Secondo le previsioni attuali, la Svizzera sopravviverà alla pandemia meglio di altri paesi europei.

Previsione migliorata

Le previsioni precedenti erano molto fosche e prevedevano persino il più grande declino economico dagli anni '70. L'istituto economico svizzero KOF sta ora rivedendo le sue previsioni. Le condizioni sono ancora difficili. Fino al 14% delle 4.500 aziende intervistate ritiene che la loro sopravvivenza sia ora in gioco e in grave rischio. Tuttavia, i dati mostrano che le aziende stanno lentamente migliorando. Inoltre, il mercato del lavoro svizzero è più ottimista per il futuro. Gli economisti ritengono che la situazione si svilupperà meglio del previsto, sebbene l'elevato tasso di cambio del franco svizzero stia influenzando le esportazioni e l'economia. Il franco forte è dovuto principalmente al fatto che molti investitori decidono di acquistare franchi svizzeri in tempi di turbolenza economica. La diversificata economia svizzera, che dipende non solo dalle esportazioni ma anche dai prodotti farmaceutici e dai servizi finanziari, non sembra essere così colpita dalla pandemia COVID-19, almeno meno delle sue controparti europee.

Scenario di base vs. pessimistico

Per questo motivo, il KOF ha deciso di rivedere le previsioni per il prodotto interno lordo della Svizzera per quest'anno e un altro. Nello scenario di base, che copre la situazione in cui non si può osservare un nuovo aumento delle infezioni da coronavirus in Svizzera e non è necessario ricorrere a rigide restrizioni e blocchi, si registra un calo del PIL del 4,9% per il 2020 che è leggermente inferiore a quella emessa a giugno. Tuttavia, è improbabile che raggiunga il livello pre-pandemia alla fine del 2019 nonostante la ripresa nel 2021. Se si verifica una seconda ondata di infezioni e alcune parti dell'economia si chiudono nuovamente, si vedono le prospettive pessimistiche con il PIL in calo del 6% quest'anno. Può sembrare un brusco calo, ma va ricordato che è ancora la metà del valore con cui il Fondo monetario internazionale prevede che il PIL francese, italiano e spagnolo si ridurrà quest'anno.

Miliardi di franchi guadagnati in accordi di libero scambio

In altre notizie, i dati recentemente rilasciati dal governo federale suggeriscono che la Svizzera, la cui economia è fortemente dipendente dal commercio, sta guadagnando miliardi di franchi dagli accordi di libero scambio. L'accordo di libero scambio con l'Unione europea in particolare si sta rivelando molto vantaggioso, come mostra l'analisi della Segreteria di Stato dell'economia. Consumatori e importatori hanno risparmiato fino a 2,5 miliardi di franchi svizzeri (circa 2,7 miliardi di dollari per cambio medio CHF / USD) in dogana nel 2018. "Grazie agli accordi di libero scambio, le aziende svizzere sono state in grado di migliorare la loro competitività sui mercati nazionali ed esteri", affermano gli autori del rapporto.

Altri partner svizzeri

Oltre all'accordo di libero scambio con l'UE e all'accordo dell'Associazione europea di libero scambio, la Svizzera commercia senza dazi doganali con altre società: ha 30 accordi di libero scambio e 40 partner in tutto il mondo. La strategia del governo svizzero è quella di rimuovere i dazi all'importazione sui beni industriali, che influenzerebbero il settore delle automobili, delle scarpe, dei tessuti e delle biciclette consentendo alle aziende di ridurre i costi di input e migliorare la redditività. Il piano deve essere approvato dal parlamento. In tal caso, l'impatto macroeconomico includerà un risparmio di circa 860 milioni di franchi.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch