menuclose

NEWS

NEWS
LE BANCHE SVIZZERE POTREBBERO AFFRONTARE PROBLEMI, PROBABILE CRISI ECONOMICA DOVUTA A COVID-19

LE BANCHE SVIZZERE POTREBBERO AFFRONTARE PROBLEMI, PROBABILE CRISI ECONOMICA DOVUTA A COVID-19

19 June 2020

La pandemia di Covid-19 sta causando il caos nell'economia svizzera con la peggiore crisi dagli anni '70. Finora le banche svizzere stanno andando bene, ma potrebbero anche verificarsi problemi nei prossimi mesi.

Le banche svizzere potrebbero affrontare problemi

                Finora le banche svizzere hanno fatto relativamente bene durante la pandemia di Covid-19, ma tempi difficili potrebbero essere in anticipo. La Banca nazionale svizzera ha avvertito nella sua relazione annuale sulla stabilità finanziaria che nei prossimi mesi le banche commerciali svizzere dovranno affrontare tre grandi minacce: la volatilità dei mercati finanziari, i tassi negativi mantenuti a un livello negativo e l'aumento del rischio di insolvenza dei prestiti. Come sarà la situazione dipende dall'evoluzione della pandemia e dalla risposta ad essa da parte del settore bancario, delle società, delle autorità e delle famiglie. La più grande incertezza è su quante società e famiglie saranno inadempienti nel prossimo futuro. Le prospettive sono fragili e c'è molta incertezza, secondo il vicepresidente della BNS Fritz Zurbrügg, che ha commentato la situazione durante una conferenza stampa giovedì.

Banche in tempi di pandemia

                La Svizzera ha 237 banche e negli ultimi mesi è riuscita a far fronte alla difficile situazione della pandemia grazie alle rigide normative degli ultimi dieci anni che le hanno costrette a mettere da parte un sacco di liquidità in caso di crisi. Cinque banche, USB, Credit Suisse, PostFinance, il gruppo Raiffeisen e la Banca cantonale di Zurigo, sono così grandi che c'è un basso rischio di fallimento. Negli ultimi mesi molte banche hanno emesso più credito del normale per aiutare le imprese in difficoltà. Dalla metà marzo sono stati emessi 130.000 prestiti ponte per un totale di 15 miliardi di franchi (secondo l'ultimo tasso di cambio medio circa 15,8 miliardi di dollari). La Banca nazionale ha garantito il versamento di tale somma di 10 miliardi di franchi. Tuttavia, nel prossimo futuro i prestiti potrebbero non essere così popolari tra le società e le famiglie. Inoltre, i prestiti ipotecari potrebbero essere sotto pressione se le aziende dovessero affrontare problemi finanziari e molte persone perdessero lavoro a seguito della pandemia. La Banca nazionale ritiene che le risorse che le banche sono riuscite a mettere da parte per far fronte alla potenziale crisi dovrebbero essere complessivamente adeguate, ma alcune banche potrebbero subire perdite.

La Banca nazionale mantiene i tassi invariati

                La Banca nazionale ha deciso di mantenere i tassi di interesse negativi per mantenere viva la sua offerta in corso di impedire che il tasso di cambio del CHF diventi troppo forte rispetto alle altre valute. Ha annunciato che giovedì manterrà invariata la sua politica monetaria. I tassi rimangono a meno 0,75%. Allo stesso tempo, la banca centrale sta intraprendendo interventi sui mercati valutari poiché gli investitori sono desiderosi di acquistare franchi svizzeri, essendo un bene rifugio. Tale domanda sta causando l'aumento del tasso di cambio del CHF, e quindi la Banca nazionale deve intervenire. La banca ha dichiarato che la pressione sul tasso di cambio del franco svizzero è leggermente diminuita da metà maggio.

Peggior crisi dagli anni '70

                Il governo prevede la peggiore crisi in Svizzera dagli anni ‘70. Nel 2020 le previsioni interne lorde dovrebbero scendere del 6,2%, secondo il Segretariato di Stato dell'economia (SECO). La Banca nazionale stima che l'economia si riprenderà parzialmente nella seconda metà, ma solo nel 2022 la crescita economica svizzera dovrebbe corrispondere ai risultati del 2019, prima dei tempi della pandemia. Nel 2021 il PIL è stimato al 4,9%. Il tasso di disoccupazione salirà al 3,8% quest'anno con danni al commercio estero e riduzione della spesa al consumo. L'economia svizzera potrebbe perdere più di 100 miliardi di dollari a causa della pandemia.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch