menuclose

NEWS

NEWS
LA POLITICA DELLA BNS RIMANE INVARIATA

LA POLITICA DELLA BNS RIMANE INVARIATA

04 February 2021

Thomas Jordan, presidente della Banca nazionale svizzera, ha affermato che la banca non cambierà la sua politica monetaria, anche se gli Stati Uniti la definiscono un manipolatore di valuta.

 

AUMENTO DEL TASSO DI CAMBIO DEL FRANCO SVIZZERO E BASSA INFLAZIONE COME MOTIVI DI INTERVENTI

In un'intervista alla SRF durante il programma ECO, Thomas Jordan ha commentato la politica e la situazione della BNS in relazione alla controversia sulla manipolazione della valuta. Secondo il presidente, sia i tassi di interesse negativi che l'intervento nel mercato del forex sono vitali per evitare che il CHF diventi troppo costoso. Il fatto che la Svizzera sia stata designata come manipolatore di valuta dal Tesoro degli Stati Uniti alla fine dello scorso anno non influisce sulla posizione della BNS: "Questa designazione da parte degli americani non avrà alcuna influenza sulla nostra politica monetaria", ha spiegato Jordan. "Al momento, questi interventi sui cambi sono molto importanti perché abbiamo visto molte pressioni sul franco svizzero, soprattutto nella crisi COVID", ha aggiunto, spiegando allo stesso tempo che la Svizzera era "tutt'altro che un manipolatore di valuta" . Jordan ha ricordato che il tasso di cambio del franco svizzero è aumentato negli ultimi 12 anni e l'inflazione è stata molto bassa. Ciò costringe la banca a intervenire pesantemente sul mercato dei cambi, soprattutto negli ultimi tempi in cui gli investitori devono acquistare franchi svizzeri all'ingrosso in tempi difficili. Il franco svizzero è considerato uno dei migliori beni rifugio. Da gennaio a ottobre 2020 la Banca nazionale ha speso fino a 100 miliardi di franchi in interventi. Jordan ha detto di non aver ancora parlato con il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, ma si terranno colloqui politici e tecnici tra due paesi per chiarire la posizione della Svizzera in merito.

 

QUANDO VERRANNO AUMENTATI I TASSI DI INTERESSE?

Jordan  ha anche fatto alcuni commenti su se e quando aumentare i tassi di interesse. Ha detto di non essere un fan di un così basso record di tassi di interesse negativi, ma la BNS non ha scelta poiché i tassi di interesse sono bassi in altre parti del mondo. Se la BNS decidesse ora di aumentare il tasso di interesse da meno 0,75%, il tasso di cambio del franco svizzero aumenterebbe drasticamente e creerebbe difficoltà per l'economia svizzera. “Dobbiamo ... perseguire una ragionevole politica monetaria nell'interesse generale del Paese. Al momento, purtroppo, ciò significa che questi tassi di interesse sono molto bassi. Aumenteremo i tassi il prima possibile ", ha dichiarato Jordan.

 

PAGAMENTO DELLA SNB AL GOVERNO FEDERALE E AI CANTONI

In altre notizie relative alla BNS, la banca pagherà la cifra record di 6 miliardi di franchi (circa 6,7 ​​miliardi di dollari al tasso di cambio medio) all'anno, come concordato in un accordo rivisto per quanto riguarda il profitto generato dalle riserve in valuta estera. L'importo di base è di 2 miliardi di franchi all'anno per la Confederazione ed i Cantoni. Se l'utile è sufficiente in un dato anno, la BNS aggiungerà altri 4 miliardi di franchi. Per il 2020 verranno distribuiti i 6 miliardi di franchi. In precedenza era stato annunciato che la Banca nazionale avrebbe trasferito 4 miliardi di franchi al Governo e ai Cantoni. Il nuovo accordo è valido fino al 2025.

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch