menuclose

NEWS

NEWS
La BNS RIVEDE AL RIALZO LE PREVISIONI DI INFLAZIONE; NON HA INTENZIONE DI CAMBIARE LA SUA POLITICA

La BNS RIVEDE AL RIALZO LE PREVISIONI DI INFLAZIONE; NON HA INTENZIONE DI CAMBIARE LA SUA POLITICA

17 June 2021

La BNS ha rivisto al rialzo le sue previsioni di inflazione per il 2021, ma non prevede di modificare la sua politica monetaria. I tassi di interesse negativi rimarranno in vigore per il momento.

PREVISIONI DI INFLAZIONE RIVEDUTE AL RIALZO

                La Banca nazionale svizzera ha seguito le orme della Federal Reserve statunitense e della Banca centrale europea nella revisione delle previsioni di inflazione. Ora prevede un'inflazione allo 0,4 per cento nel 2021, mentre la previsione precedente era allo 0,2 per cento. Nel 2022 e nel 2023 l'inflazione dovrebbe raggiungere lo 0,6%. Secondo gli esperti, con previsioni di inflazione simili per il 2022 e il 2023, un'attuale impennata dell'inflazione sembra solo temporanea. Inoltre, la previsione del PIL è stata rivista al rialzo al 3,5% per il 2021 da circa il 2,5%-3% previsto in precedenza. La scorsa settimana, le controparti europee e statunitensi della BNS hanno alzato le previsioni di inflazione poiché si è osservato un picco dei prezzi a livello globale. Inoltre, la FED ha segnalato gentilmente che potrebbe effettuare due aumenti dei tassi di interesse nel 2023.

 

NESSUN CAMBIAMENTO NELLA POLITICA MONETARIA PER STABILIZZARE IL FRANCO SVIZZERO

                L'aumento dell'inflazione non significa che la BNS abbia annunciato un cambiamento nella politica monetaria. Il governatore della banca centrale svizzera, Thomas Jordan, ha dichiarato alla CNBC che le previsioni di inflazione riviste non sono un buon motivo per cambiare rotta: "In Svizzera, i tassi di interesse e l'inflazione rimangono bassi rispetto al confronto internazionale", aggiungendo: "I dati dell'indagine mostrano un tasso di inflazione atteso di circa l'1% a lungo termine”. In effetti, l'inflazione anche dello 0,6% nei prossimi due-tre anni non è elevata rispetto all'inflazione di altri paesi. Ad esempio, la BCE prevede un'inflazione annua nell'eurozona al livello dell'1,9% quest'anno e dell'1,5% l'anno prossimo. Con l'inflazione che si crede saldamente ancorata all'1% a lungo termine, la BNS non vede alcun motivo per cambiare la sua politica: "In un contesto di capacità produttiva non ancora pienamente utilizzata e la nostra previsione di inflazione moderata, la nostra politica monetaria espansiva rimane appropriata", ha affermato Jordan. Gli esperti sono anche fiduciosi che non verrà introdotta alcuna modifica dei tassi di interesse a breve, almeno finché la FED non farà rialzi dei tassi. Ciò significa ancora qualche anno con un minimo storico, tassi di interesse negativi di meno 0,75%.

 

FORTE TASSO DI CAMBIO DEL FRANCO SVIZZERO

                Oltre ad attenersi a tassi di interesse negativi, la Banca nazionale continua a impegnarsi per intervenire se necessario. Per evitare che il CHF venga sopravvalutato e, soprattutto, per garantire un buon cambio dell'euro all'industria delle esportazioni, la banca interviene regolarmente sul mercato dei cambi. La BNS considera ancora il tasso di cambio CHF troppo forte, anche se la valuta si è leggermente indebolita quest'anno. Il prezzo del franco svizzero è stato elevato lo scorso anno a causa della crisi COVID-19 e molti investitori erano alla ricerca di beni rifugio ed erano desiderosi di acquistare franchi svizzeri. All'inizio dell'anno il CHF si è indebolito, ma recentemente, poiché molte banche centrali hanno promesso di mantenere bassi i tassi di interesse, il suo tasso di cambio si è nuovamente rafforzato, scambiando intorno a 1,092 contro l'euro.

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch