menuclose

NEWS

NEWS
LA BNS PRESENTA UNA DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI INTERVENTI E VORREBBE CONTINUARE

LA BNS PRESENTA UNA DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI INTERVENTI E VORREBBE CONTINUARE

28 September 2020

La BNS ha reagito alle critiche dell'opinione pubblica sui suoi interventi sui mercati esteri e ha annunciato che avrebbe continuato a farlo per evitare che il tasso di cambio del franco svizzero diventasse troppo forte.

Dichiarazione di sorpresa

La Banca nazionale svizzera ha rilasciato una dichiarazione sorprendente sulla sua strategia valutaria, in cui annunciava l'intenzione di pubblicare trimestralmente, anziché una volta all'anno, dati sulla portata degli interventi sul mercato dei cambi al fine di migliorare la trasparenza in materia. L'annuncio è percepito come una risposta ai critici dei suoi interventi aggressivi, la maggior parte dei quali proviene dagli Stati Uniti. Ciò è avvenuto dopo la regolare decisione politica della BNS di mantenere gli attuali tassi di interesse, poiché il tasso di cambio del franco svizzero è molto apprezzato e la BNS è quindi disposta a "intervenire di più" se necessario. Thomas Jordan, presidente della BNS, ha affermato in un appello ai giornalisti che "la politica monetaria espansiva è ancora essenziale".

Manipolatore di valuta?

Jordan ha anche confermato che la decisione di modificare il calendario per la pubblicazione dei dati sugli interventi è stata presa a causa dell'alto livello di interesse pubblico all'estero e in Svizzera. Pur riconoscendo che ci sono state situazioni in cui la divulgazione di ulteriori dettagli non sarebbe stata utile, in alcuni casi migliora la trasparenza e diminuisce l'interesse pubblico. La politica della Banca nazionale svizzera, che mira a combattere il rischio di deflazione e il CHF eccessivamente forte, ha recentemente messo la Svizzera in difficoltà. La Svizzera è finita nella lista dei paesi che presumibilmente manipolano i loro tassi di cambio del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. All'epoca, gli Stati Uniti suggerirono che la Svizzera pubblicasse più frequentemente i dati sugli interventi. Se la situazione peggiora e la Svizzera verrà arruolata come manipolatore di valuta dal Tesoro degli Stati Uniti, gli investitori potrebbero iniziare a dubitare che la BNS sia in grado di intervenire, e quindi mettere il prezzo della valuta ancora più alto. Negli ultimi giorni, il tasso di cambio del franco svizzero è rimasto invariato dopo aver precedentemente toccato il massimo di cinque anni nel 2020. Tuttavia, il tasso di cambio del franco è molto suscettibile a rischi e situazioni come la Brexit o le elezioni statunitensi che potrebbero aumentare nuovamente il tasso di cambio del franco.

Interventi aggressivi

In una chiamata ai giornalisti, Jordan ha anche ammesso che la BNS è intervenuta in modo più massiccio quest'anno. Secondo i calcoli del Credit Suisse Group AG, i decisori in Svizzera hanno speso più di 90 miliardi di franchi (circa 98 dollari al cambio medio) nella prima metà dell'anno per interventi sui mercati esteri, per misure quali l'acquisto di euro o altre valute. Durante l'estate, gli interventi sono stati meno aggressivi, poiché l'euro era in aumento a causa del primo pacchetto di aiuti economici dell'Unione Europea, e la recessione nel paese sembra essere meno profonda di quanto si temesse in precedenza.

I prezzi sono rimasti bassi

Gli interventi non sono l'unica misura adottata dalla BNS per evitare che il tasso di cambio del franco diventi troppo forte. Altri sono i tassi di interesse, che ora sono a un livello storicamente basso di meno 0,75. Giovedì scorso la BNS lo ha mantenuto a questo livello. Questo aiuta la banca a evitare il rischio di deflazione. Nel giugno di quest'anno, la BNS ha previsto un tasso di inflazione negativo in Svizzera alla fine dell'anno e una piccola crescita nel 2022. Secondo la BNS, un tasso di inflazione positivo a medio termine inferiore al 2% è l'obiettivo che può garantire la stabilità dei prezzi.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch