menuclose

NEWS

NEWS
LA BNS È TORNATA ALLE IMPRESE REPO IL 19 DICEMBRE. IL TASSO DI CAMBIO RIMANE STABILE

LA BNS È TORNATA ALLE IMPRESE REPO IL 19 DICEMBRE. IL TASSO DI CAMBIO RIMANE STABILE

02 February 2020

La Banca nazionale svizzera è passata alle operazioni di pronti contro termine in CHF a dicembre con il saldo più elevato dal 2012. In periodi di paura del coronavirus, il tasso di cambio del franco svizzero era piuttosto stabile alla fine della settimana.

Il record più alto in 8 anni

I dati mostrano che a dicembre la Banca nazionale svizzera ha effettuato operazioni pronti contro termine per un valore di 6,5 miliardi di franchi. Il record per Repo alla fine di dicembre è stato il più alto in 8 anni. L'ultima volta che la Banca nazionale ha effettuato così tante operazioni di pronti contro termine è stato nel 2012 quando ha lottato con la crisi. Questa mossa spiega un forte aumento dei depositi della domanda, l'importo che i finanziatori detengono nei conti della Banca nazionale. Gli osservatori della politica della BNS e i rendiconti finanziari della BNS sono rimasti sorpresi dal fatto che i depositi a vista siano aumentati inspiegabilmente e che nuove informazioni sul pronti contro termine abbiano fatto luce sulla situazione.

Perché Repo?

Alla fine dello scorso anno, la Banca nazionale ha deciso di effettuare operazioni pronti contro termine al fine di innescare una maggiore liquidità sul mercato interbancario svizzero. In qualche modo, il mercato si è irrigidito dopo che la Banca nazionale ha autorizzato l'istituzione finanziaria a liberare più riserve, il che ha comportato un aumento degli scambi. Le banche hanno utilizzato liquidità in eccesso vendute agli istituti che hanno ricevuto un'indennità di esenzione aggiuntiva dai tassi di interesse negativi della banca centrale. Di conseguenza, i depositi della domanda sono aumentati - l'altro fattore che spiega questo aumento è la maggiore domanda di banconote che si vede normalmente a dicembre.

Che cos'è una transazione pronti contro termine?

Una transazione pronti contro termine è quando una parte vende i titoli a un'altra e allo stesso tempo accetta di riacquistarli in un determinato momento. La Banca nazionale, come altre banche centrali, come la Federal Reserve americana, utilizza le operazioni pronti contro termine per gestire la liquidità nel sistema finanziario che controlla l'offerta di liquidità all'economia del paese. I pronti contro termine sono operazioni a breve termine con una durata di un giorno - nei pronti contro termine overnight - fino a un massimo di un anno.

BNS e pronti contro termine

La Banca nazionale ha acquistato valuta estera, ad esempio nel 2009 e nel 2010, quando lo ha utilizzato per finanziare l'acquisto di euro, che ha portato a un significativo eccesso di liquidità nel sistema finanziario. Da luglio 2010 ad agosto 2011, la Banca nazionale ha dovuto prendere in prestito liquidità in eccesso, a tal fine ha effettuato ripetutamente operazioni pronti contro termine e ha emesso regolarmente titoli della Banca nazionale. Poiché al giorno d'oggi il tasso di cambio del franco svizzero è stato fortemente sopravvalutato, nel 2011 la Banca nazionale ha dovuto modificare la propria strategia di liquidità. Con l'aiuto di pronti contro termine e di altre misure, la banca centrale è riuscita a ottenere il massiccio aumento di liquidità. Quindi si è trattato di acquisti di valuta estera che avevano l'obiettivo di aumentare il tasso di cambio di CHF a 1,20 per euro, da settembre 2011 a gennaio 2015, il che ha portato a un ulteriore aumento della liquidità nel sistema bancario. Nel giugno 2012, la Banca nazionale ha smesso di estendere le transazioni pronti contro termine e non lo ha fatto fino allo scorso dicembre.

Tasso di cambio del franco svizzero

La situazione sul mercato interbancario aveva portato il tasso chiave svizzero SARON a un livello elevato meno lo 0,62%. La Banca nazionale vuole che SARON sia meno dello 0,75%, motivo per cui è stato scambiato in pronti contro termine. SARON è stato recentemente scambiato a meno 0,71%. La notizia della transazione pronti contro termine non ha avuto un impatto rilevante sul tasso di cambio del franco svizzero. Inizialmente è stata debole la scorsa settimana a causa dell'aumento della propensione al rischio e gli investitori non si sono rivolti all'acquisto di franchi svizzeri o altri investimenti sicuri. Il tasso di cambio del franco svizzero rispetto al dollaro è sceso dello 0,36% il 29 gennaio. Tuttavia, il 30 gennaio, le nuove preoccupazioni su come il coronavirus può influenzare il commercio globale, hanno spinto gli investitori dal campo di rischio a un porto sicuro e sia il tasso di cambio dello yen giapponese sia quello del franco svizzero sono aumentati. Venerdì queste valute erano stabili.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch