menuclose

NEWS

NEWS
IL WEF SI RILOCA A SINGAPORE, MENTRE LA SVIZZERA COMBATTE IL COVID-19

IL WEF SI RILOCA A SINGAPORE, MENTRE LA SVIZZERA COMBATTE IL COVID-19

09 December 2020

L'incontro annuale del World Economic Forum nel 2021 si svolgerà a Singapore, non come al solito a Davos, poiché la Svizzera sta ancora combattendo la pandemia di coronavirus. Nel frattempo, il Consiglio federale ha imposto nuove restrizioni.

"Davos" non a Davos nel 2021

Il Forum economico mondiale si svolge solitamente a gennaio nella città sciistica svizzera di Davos. Ma il prossimo anno l'evento non sarà organizzato né nel solito orario né in un luogo tipico. L'incontro del WEF è stato rinviato a maggio e si svolgerà a Singapore. È la seconda volta in 20 anni che l'incontro non si tiene a Davos. L'incontro annuale del WEF è un evento importante per le élite politiche, imprenditoriali e molto prestigioso per Davos. Il cambio di data era già stato deciso a giugno. Più tardi, in ottobre, il WEF ha annunciato che si sarebbe riunito a Lucerna anziché a Davos, poiché la città ha un clima più mite. Tuttavia, poiché la Svizzera è ancora gravemente colpita dalla pandemia COVID-19, il WEF ha deciso ora di lasciare la Svizzera e trasferirsi a Singapore. La priorità dell'organizzazione è "proteggere la salute e la sicurezza dei partecipanti e della comunità ospitante", come affermato nella dichiarazione. In precedenza, l'incontro, generalmente noto come "Davos" per lo stretto legame con la città alpina, si è svolto fuori Davos nel 2002, quando è stato trasferito a New York dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre per mostrare solidarietà alla città e anche per i costi della sicurezza che sono saliti a milioni di CHF (franchi svizzeri) dopo gli attacchi terroristici.

Altri eventi WEF

Il WEF terrà anche altri eventi l'anno prossimo: a gennaio un incontro virtuale chiamato Agenda di Davos, contemporaneamente al consueto incontro di Davos. Il Global Technology Governance Summit è previsto per aprile a Tokyo, questa volta di persona.

Nuove restrizioni in Svizzera

Il WEF ha deciso di spostare la sua riunione "Davos" fuori dalla Svizzera perché la seconda ondata di casi di coronavirus si sta diffondendo in tutto il continente e le condizioni sono ancora incerte nei prossimi mesi. Venerdì scorso, la Svizzera ha segnalato 4.000 nuovi casi di COVID-19, che sono ancora molto elevati considerando la popolazione del Paese. Recentemente a Singapore ci sono stati pochi casi al giorno. Per combattere la pandemia, il Consiglio federale ha deciso di introdurre alcune restrizioni, sebbene il loro precedente approccio sia stato molto più spensierato rispetto alla primavera e, a differenza di altri paesi, non è stato ordinato alcun blocco completo. La Svizzera voleva evitare un blocco totale e ulteriori danni economici. Un nuovo blocco costerebbe milioni di franchi svizzeri e danneggerebbe l'economia, anch'essa alle prese con difficoltà a causa dell'ottimo tasso di cambio del franco. Dal 12 dicembre verranno nuovamente introdotte le prime misure a livello nazionale. Le riunioni pubbliche saranno limitate a cinque persone da un massimo di due famiglie, ma durante il periodo festivo, dal 24 dicembre al 31 dicembre, saranno raddoppiate a 10 persone. Tutti i ristoranti, le strutture ricreative e sportive dovrebbero essere chiusi ogni giorno dopo le 19:00 e chiudere completamente la domenica, ad eccezione delle località sciistiche considerate attività all'aperto. Inoltre, le funzioni religiose, le riunioni legislative e parlamentari possono continuare come al solito. In una fase straordinaria, da giovedì verrà sospeso tutto il traffico ferroviario transfrontaliero tra Italia e Svizzera. Di solito, molti pendolari transfrontalieri utilizzano i servizi ferroviari, ma ora il numero di passeggeri è limitato e il personale ferroviario non è in grado di effettuare tutti i controlli di sicurezza richiesti dal governo italiano. I frontalieri devono utilizzare altri mezzi di trasporto.

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch