menuclose

NEWS

NEWS
IL TASSO DI CAMBIO CHF GUADAGNA PER IL SECONDO GIORNO

IL TASSO DI CAMBIO CHF GUADAGNA PER IL SECONDO GIORNO

10 June 2020

Il tasso di cambio del franco svizzero ha guadagnato per il secondo giorno consecutivo rispetto al dollaro USA dopo che le azioni negli Stati Uniti sono crollate e ha suscitato l'appetito per le valute rifugio sicure tra gli investitori.

Il CHF aumenta

Martedì il CHF ha chiuso il giorno di negoziazione per una seconda sessione di seguito con un tasso di cambio più elevato rispetto al dollaro USA. L'USD è sceso dello 0,8% a 0,9503 franchi, mentre all'inizio della giornata ha toccato il livello di 0,9483 franchi, il punto più basso da metà marzo. L'USD ha subito perdite dopo una dura giornata di azioni a seguito di una manifestazione sul Nasdaq che ha raggiunto un livello record, trainato dalle società tecnologiche. Nel frattempo in coppia EUR / USD la valuta comune ha recuperato dalle perdite registrate all'inizio delle negoziazioni per concludere la giornata in rialzo dello 0,4% a 1,1339 dollari. Il giorno prima l'euro è sceso dello 0,2% a 1,1277 dollari. In generale, martedì l'indice statunitense che ha misurato la propria performance rispetto alle principali valute è sceso dello 0,3% a 96,334.

Anche lo Yen ha una buona corsa

Il CHF non è stata l'unica valuta rifugio sicura, poiché gli investitori hanno perso la propensione al rischio e hanno optato per l'acquisto di franchi svizzeri o yen giapponesi, considerato anche un investimento sicuro. Il dollaro è sceso dello 0,6%, scambiando a 107,75 yen, ma ad un certo punto, durante il giorno, ha toccato il punto più basso in una settimana con un prezzo di 107,63 yen. Gli analisti sostengono che potrebbe esserci una tendenza al ribasso e un aggiustamento dei tassi di interesse in Giappone, qualunque cosa accada nell'economia mondiale dopo la realtà di Covid-19. Inoltre, l'investitore giapponese è impaziente di vendere dollari prima del prossimo annuncio della Federal Reserve di mercoledì scorso, dopo un incontro di due giorni, che potrebbe includere ulteriori passi per appiattire la curva dei rendimenti dei buoni del tesoro. La curva dei rendimenti degli Stati Uniti nella recente sessione ha preso una strada ripida con tassi in aumento sul lungo termine. Se la Fed decidesse di attenersi alla sua politica di dire di no ai tassi negativi e di rifiutare di controllare la curva dei rendimenti, il tasso di cambio USA potrebbe salire.

Valute G10 giù

A parte il rifugio sicuro CHF o JPY, la maggior parte dei tassi di cambio dei paesi del G10 sono crollati martedì. Il sentimento di rischio si è indebolito poiché gli analisti prevedono che potrebbe esserci una seconda ondata di infezioni da Covid-19. Sebbene le restrizioni in molti paesi siano state allentate, si ha la sensazione che la pandemia non sia ancora finita e che il virus possa persistere più a lungo o tornare più forte in autunno. In questa fase, il mercato non valuta bene queste paure, ma il risveglio potrebbe avvenire presto, a seconda della situazione delle infezioni globali. Per ora, gli investitori sono più preoccupati per l'annuncio della Fed.

Altre valute

In altre notizie, il tasso di cambio del dollaro australiano è sceso dello 0,8% contro l'USD, a 0,6964 dollari, dopo essere stato scambiato all'inizio della sessione asiatica, toccando il massimo degli 11 mesi di 0,7043 dollari. Inoltre, il dollaro neozelandese è sceso contro l'USD dello 0,6% a 0,6515 dollari, quando in precedenza ha toccato il punto più alto in più di quattro mesi. La corona norvegese è scesa dello 0,9% contro USD a 9,3450 NOK e 0,8% nel tasso di cambio contro l'euro a 10,5375 NOK. Il dollaro canadese ha registrato un prezzo di 1.3457 dollari, in calo dello 0,6% rispetto all'USD.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch