menuclose

NEWS

NEWS
IL REPO DI FED SCENDE A ZERO PER LA PRIMA VOLTA DAL SETTEMBRE

IL REPO DI FED SCENDE A ZERO PER LA PRIMA VOLTA DAL SETTEMBRE

10 July 2020

Per la prima volta da settembre, il tasso repo contro termine della Federal Reserve (Fed) è sceso a zero, mentre il più grande declino settimanale in 11 anni è sceso sotto i 7 trilioni di dollari.

Momento storico

Il bilancio della Fed è sceso sotto i 7 trilioni di dollari, dato che il saldo di riacquisto è sceso a zero per la prima volta da settembre. Le posizioni in Fed e obbligazioni si sono ridotte per la quarta settimana consecutiva. Non solo repo - come vengono chiamati in breve pronti contro termine – ma anche una delle più importanti misure di liquidità di emergenza ha raggiunto lo zero. Questi sono segni che gli oneri finanziari causati dalla pandemia di coronavirus si sono attenuati. Quando si tratta del declino del bilancio, è stato di circa $ 88 miliardi a $ 6,97 trilioni, rispetto ai $ 7,06 trilioni, il più grande declino in più di 11 anni e la fine di qualche era, secondo gli analisti. Il saldo dei pronti contro termine ha svolto il ruolo più importante in quanto è sceso a zero da $ 61,2 miliardi nella settimana precedente. Per la prima volta dal settembre dello scorso anno, questo finanziamento a breve termine da parte di banche private negli Stati Uniti non è stato più utilizzato.

Interventi della FED

La FED ha iniziato a prendere misure sul mercato dei pronti contro termine a metà settembre 2019. All'epoca, la mancanza di riserve presso le banche ha innescato un aumento dei costi di finanziamento a breve termine e li ha portati a livelli record. Il supporto repo da parte della FED ha raggiunto livelli senza precedenti a marzo con la diffusione del coronavirus e l'incertezza nei mercati finanziari, dei tassi di cambio e bancari. Mentre i mercati si sono stabilizzati nelle ultime settimane, l'attività di pronti contro termine della Fed ha rallentato leggermente. La FED ha fornito liquidità al mercato acquistando titoli del tesoro garantiti da ipoteca. A giugno, la Federal Reserve americana ha reso le operazioni di pronti contro termine più costose ottimizzandole un po'. Di conseguenza, le banche private hanno cercato altri soggetti privati ​​per soddisfare le loro esigenze di pronti contro termine e per quattro settimane non sono state offerte da parte della Fed tali operazioni durante la notte. I funzionari della banca hanno promesso di indagare attentamente sulla situazione e di offrire nuovamente sostegno, se necessario. Gli esperti affermano di voler apparire come l'istituzione che fornisce il sistema finanziario più che sufficiente.

Non solo FED

Gli interventi sono recentemente diventati popolari con le banche centrali, tra cui la Banca nazionale svizzera, che effettua molti acquisti, ma soprattutto sul mercato dei cambi - acquista euro o altre valute straniere per abbassare il tasso di cambio del franco svizzero. La Banca nazionale non ammette direttamente gli interventi, ma un'analisi dettagliata delle sue disponibilità in contante estere fornisce agli esperti la prova che tali misure sono in corso. La Banca nazionale ritiene che il tasso di cambio dell'euro non possa essere troppo basso perché danneggia l'economia svizzera e incide sull'obiettivo di inflazione.

exchangemarket.ch
exchangemarket.ch