menuclose

NEWS

NEWS
IL CALO DEI DEPOSITI A VISTA SIGNIFICA CHE LA BNS HA LIMITATO GLI INTERVENTI FOREX

IL CALO DEI DEPOSITI A VISTA SIGNIFICA CHE LA BNS HA LIMITATO GLI INTERVENTI FOREX

28 June 2022

I dati mostrano che gli averi a vista della BNS sono diminuiti, il che significa che la banca sta per terminare la sua campagna di acquisti che ha avuto un impatto sul tasso di cambio del franco svizzero.

 

DECLINO DEI DEPOSITI A VISTA

Come mostrano i dati la scorsa settimana, il totale dei depositi a vista è sceso di 3,37 miliardi di franchi a 748,46 miliardi di franchi, il calo più marcato dall'inizio del 2012. Negli ultimi anni i depositi a vista sono aumentati quasi ogni settimana, poiché la Banca nazionale svizzera ha acquistato valuta estera per franchi di nuova creazione per evitare il calo del tasso di cambio euro-franco. Di conseguenza, sono aumentati i depositi a vista presso le banche commerciali. Solo l'anno scorso il numero è aumentato di 29 miliardi di franchi.

 

I depositi a vista avrebbero potuto essere ridotti anche acquistando franchi svizzeri da banche commerciali che detengono depositi a vista, ma gli analisti ritengono che questa volta non sia stato così. Un'altra ragione probabile sarebbe la riduzione del numero di pronti contro termine che forniscono liquidità (REPO) dopo che la BNS ha abbassato la soglia al di sopra della quale si applicano i tassi di interesse negativi. Gli analisti, inoltre, non possono escludere fluttuazioni stagionali o un aumento dei prelievi di contanti dalle banche a causa delle ferie dei clienti, che potrebbero anche ridurre i depositi a vista. Tuttavia, il motivo più probabile è fermare gli interventi nel mercato forex.


 

ACCETTAZIONE DI UN FAVOREVOLE TASSO DI CAMBIO EUR CHF

A causa del massiccio calo dei conti correnti, la BNS si prepara a porre fine alla sua campagna di acquisti in valuta lanciata anni fa per tenere sotto controllo il tasso di cambio del CHF. Secondo i dati degli analisti, gli interventi sono stati completamente sospesi la scorsa settimana e la banca centrale aveva accettato un tasso di cambio EUR-CHF favorevole, poiché il 16 giugno ha anche aumentato i tassi di interesse. Alzando i tassi di interesse, la BNS ha confermato che il tasso di cambio del CHF aumenterà, cosa ampiamente prevista dagli esperti.

 

CHF PIÙ FORTE PER SOSTENERE L'INFLAZIONE

L'inflazione in Svizzera si avvicina al 3%. Ciò significa che, secondo gli esperti, impedire che il CHF diventi troppo forte attraverso interventi sui cambi non è più una buona politica. In tempi di maggiore inflazione, la BNS dovrebbe astenersi dall'intervenire. Un tasso di cambio più forte del CHF potrebbe abbassare l'inflazione. Secondo gli analisti di mercato, al livello del tasso di cambio EUR/CHF di 1,01, la BNS non cercherà attivamente di rafforzare il CHF. Piuttosto, aumenterebbe se il franco si indebolisse a livello di 1,10.

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch