menuclose

NEWS

NEWS
FMI RITIENE CHE LA SVIZZERA HA FATTO BENE DURANTE LA PANDEMIA

FMI RITIENE CHE LA SVIZZERA HA FATTO BENE DURANTE LA PANDEMIA

23 June 2021

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha stabilito che la Svizzera ha affrontato molto bene la crisi pandemica con misure di politica monetaria e di sostegno economico.

 

Ben fatto!

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha annunciato nel suo rapporto che la Svizzera ha fatto molto bene dal punto di vista fiscale durante la crisi pandemica. Le misure di sostegno economico sono state pianificate molto bene e la politica monetaria relativa al tasso di cambio del CHF è stata adeguatamente attuata, il che ha contribuito a ridurre al minimo l'impatto negativo della pandemia. "La Svizzera ha affrontato bene la pandemia. Il Covid-19 ha avuto un notevole impatto sociale ed economico, ma una risposta tempestiva, forte e sostenuta dalle politiche sanitarie ed economiche ha contribuito ad arginare il declino dell'attività",  ha affermato l'FMI nella sua dichiarazione rilasciata lunedì 21 giugno.

 

Impatto ridotto

Nel 2020, l'economia svizzera si è contratta del 3%, più di quanto non sia stata dalla fine degli anni '70, ma ancora meno della maggior parte dei paesi europei. Quest'anno la Svizzera dovrebbe recuperare economicamente e raggiungere una crescita del prodotto interno lordo del 3,5%, l'anno prossimo - 2,8%. Le prospettive del FMI coincidono con le previsioni della Banca nazionale svizzera. Secondo il FMI, i risultati non così negativi per il PIL dello scorso anno sono dovuti a "forti ammortizzatori nelle aree della politica fiscale, del settore finanziario e dei bilanci prima della pandemia, alle robuste esportazioni (farmaci, prodotti chimici e oro), alla bassa dipendenza da settori sociali, un sistema sanitario efficiente e un contenimento mirato”. La perdita di potere d'acquisto è stata contenuta dalle misure a sostegno delle imprese e delle famiglie durante la crisi. Le misure adottate dal governo federale svizzero hanno inoltre impedito un possibile forte aumento della disoccupazione e un'ondata di fallimenti. Quest'anno il FMI vede la disoccupazione al 3,5%, il prossimo al 3,4%. Anche l'inflazione dovrebbe rimanere a un livello moderato. La BNS è molto cauta riguardo al livello di inflazione e al tasso di cambio del CHF. I suoi interventi sul mercato dei cambi e il mantenimento di bassi tassi di interesse negativi mirano a impedire che il CHF venga sopravvalutato troppo.

 

Guardando avanti

Secondo l’FMI, ci sono rischi economici e finanziari che la Svizzera deve affrontare? I potenziali rischi possono includere "impatti ritardati di Covid-19, comportamenti nella ricerca di rendimenti, squilibri del mercato immobiliare e una ripresa globale disomogenea". Altre sfide post-pandemia includono limitare le cicatrici tra i gruppi e i lavoratori più vulnerabili, colmare le lacune nel sistema pensionistico, mantenere la competitività e affrontare il cambiamento climatico. Il FMI auspica inoltre che il Paese e l'Unione europea lavorino in modo "costruttivo" su un accordo quadro istituzionale che regoli i rapporti bilaterali di lungo periodo. I colloqui su un tale accordo quadro, che avrebbe dovuto sostituire 120 accordi attualmente in vigore, sono stati interrotti dopo che la Svizzera ha lasciato il tavolo dei negoziati questo mese.

 

Rapporto del FMI

Il rapporto dell’FMI è stato realizzato da un team di quattro persone in primavera e pubblicato il 21 giugno. Gli esperti dell’FMI hanno parlato con la Banca nazionale svizzera, la FINMA, l'autorità svizzera di vigilanza finanziaria, le autorità cantonali, l'amministrazione federale e gli esperti del settore privato. In particolare, il team ha avuto colloqui con il ministro delle finanze Ueli Maurer, il presidente della BNS Thomas Jordan e il capo della FINMA Mark Branson.

 

www.exchangemarket.ch
www.exchangemarket.ch