menuclose

NEWS

NEWS
DECLINO DELL'IMMIGRAZIONE IN SVIZZERA NELLA PRIMA METÀ DEL 2019

DECLINO DELL'IMMIGRAZIONE IN SVIZZERA NELLA PRIMA METÀ DEL 2019

30 July 2019

Nella prima metà dell'anno, meno persone si sono trasferite in Svizzera rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, come mostrano i dati. Il tasso di immigrazione è stato dell'1,8% inferiore rispetto alla prima metà del 2018. Sempre meno persone si sono trasferite in Svizzera, sia dall'associazione europea di libero scambio che dagli stati membri dell'Unione Europea e dai paesi terzi. Allo stesso tempo, il tasso di sottoccupazione in Svizzera è il più alto in Europa.

Meno immigrati rispetto alla prima metà 2018

Secondo il rapporto della Segreteria di Stato svizzera per le migrazioni, tra gennaio e giugno 2019 un totale di 63.333 persone si è trasferito permanentemente in Svizzera. Rispetto alla prima metà dell'anno precedente è una diminuzione dell'1,8%. C’erano meno immigrati dall'Unione Europea, dall'associazione europea di libero scambio EFTA e da paesi extra-UE: l'1,3% in meno di persone proveniva dall'UE / EFTA e il 2,8% in meno da altri paesi. Un totale di 44.321 immigrati provenivano da paesi dell’UE / EFTA e 19.012 da paesi terzi. Sempre meno persone si sono trasferite, ma anche meno, 35.832, stranieri hanno lasciato la Svizzera, il 3,9% in meno rispetto alla prima metà del 2018. Tenendo conto dei processi di naturalizzazione e dei decessi, il tasso di immigrazione netta degli stranieri nel Paese è stato di 24.672 persone, diminuzione dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La Svizzera è un paese popolare in termini di immigrazione, sia per i lavoratori frontalieri che per quelli che cercano una residenza permanente. Alla fine di giugno circa 2,1 milioni di stranieri vivevano qui in un paese il cui popolazione è appena di 8,4 milioni di abitanti. La maggior parte proviene da Italia (323.384), Germania (308.532), Portogallo (265.501) e Francia (137.524). Queste statistiche non tengono conto dei lavoratori transfrontalieri.

Ragioni per l'immigrazione

Perché le persone scelgono la Svizzera come destinazione della migrazione? Molti di loro a causa del lavoro: nella prima metà di quest'anno quasi il 52,5% degli immigrati si è trasferito in Svizzera per lavorare. Quest'anno i settori più popolari sono l'industria, i servizi e l'artigianato, dove il tasso di immigrazione al lavoro è aumentato, mentre rispetto all'anno precedente meno persone si sono trasferite a lavorare nel settore di agricoltura. Il secondo motivo più comune di immigrazione è il ricongiungimento familiare Le famiglie di persone che già vivono e lavorano in Svizzera si trasferiscono per unirsi ai loro parenti. Nel primo semestre del 2019, si sono trasferiti 17.701, che rappresentano il 28% di tutti gli immigrati. È significativamente inferiore rispetto all'anno precedente - dell'8,6%. Di questi, più di uno su cinque apparteneva alla famiglia di un cittadino svizzero. Un numero simile di persone riunite con le loro famiglie si trasferisce dalla regione EFTA / EUR - 8.499 e di paesi terzi - 9.202. I paesi di origine più comuni per gli immigrati che si uniscono alle loro famiglie sono stati Italia, Germania, Portogallo, Francia, Kosovo, Macedonia del Nord, Brasile, India. Il terzo motivo per trasferirsi in Svizzera è la formazione o l'istruzione: 4.676 stranieri hanno affermato che questa era la ragione della loro immigrazione.

Il tasso di sottoccupazione è il più alto in Europa

Gli immigrati vengono in Svizzera principalmente per lavorare, inoltre molti lavoratori transfrontalieri si recano ogni giorno nel paese per lavorare. C'è una carenza di dipendenti, ma allo stesso tempo la Svizzera ha il più alto tasso di sottoccupazione in Europa. L'anno scorso ben il 7% della forza lavoro totale ha dichiarato di voler lavorare di più. Ciò che disturba è il fatto che la maggior parte di queste sono donne. Il forza lavoro in Svizzera comprende 830.000 persone con 356.000 sottoccupati, 231.000 disoccupati e 243.000 in cerca di lavoro, ma non disponibili per iniziare subito.

Per i lavoratori frontalieri, consigliamo di controllare il tasso di cambio dell’euro su Exchangemarket.ch prima di cambiare valuta. Con un buon tasso di euro, i lavoratori frontalieri possono risparmiare fino al 3% del loro stipendio. Una semplice registrazione online è sufficiente per poter cambiare il denaro rapidamente e facilmente.

bester wechselkurs chf euro | salaire suisse pharmacien | convertitore valuta | taux de change ubs | eur chf converter | cambio franchi svizzeri euro | prix euro | währungsrechner post | coop exchange rate
ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch