menuclose

NEWS

NEWS
BNS:NESSUN CAMBIAMENTO DI POLITICA, NESSUN PROGRAMMA DI VALUTA DIGITALE

BNS:NESSUN CAMBIAMENTO DI POLITICA, NESSUN PROGRAMMA DI VALUTA DIGITALE

29 June 2021

La Banca nazionale svizzera non ha ancora iniziato a ridurre il proprio bilancio, poiché sostiene che la sua politica monetaria espansiva è necessaria. Inoltre, non ci sono piani per l'implementazione della valuta digitale nel prossimo futuro.

 

GLI INVESTITORI DEVONO ESSERE ESCLUSI DALL'ACQUISTO DI FRANCHI SVIZZERI

Andrea Maechler della BNS ha affermato a un evento economico di UBS che la banca non ha ancora iniziato a ridurre il suo ampio bilancio. Inoltre, non era d'accordo su un piano di azioni che avrebbe attuato quando alla fine avesse deciso di cambiare la sua politica monetaria. "In questo momento è assolutamente necessaria una politica monetaria espansiva", afferma Maechler, e qualsiasi modifica dovrebbe essere apportata con cautela. Negli ultimi sei anni, i tassi di interesse sono stati a un livello di meno 0,75%, che è un minimo record a livello mondiale, e anche la BNS sta intervenendo pesantemente sul mercato estero per evitare che il tasso di cambio del CHF venga sopravvalutato. I tassi della BNS non sono attraenti per gli investitori, quindi il loro obiettivo è scoraggiare gli investitori dal prendere una decisione di acquistare franchi svizzeri. Secondo Maechler, il franco svizzero è ancora molto apprezzato, soprattutto il tasso di cambio del franco contro l'euro ma anche contro il dollaro. I tassi di interesse negativi gravano sulle banche commerciali e, come riconosce la BNS, Maechler vuole ridurre questo onere aumentando gli importi esenti da tassi di interesse così bassi.
 

IL FORTE TASSO DI CAMBIO DEL CHF STA AMMORTIZZANDO L'INFLAZIONE

Se la banca centrale svizzera dovesse cambiare politica, lo farà dopo aver esaminato l'inflazione svizzera. Al giorno d'oggi, il forte tasso di cambio del CHF sta smorzando l'aumento dei prezzi nel paese, quindi c'è ancora spazio per una maggiore produzione che potrebbe fermare l'inflazione. L'inflazione è aumentata di recente, ma è ancora al di sotto dell'1% ed è nell'intervallo 0-2% della BNS, che definisce la stabilità dei prezzi. "Vediamo un aumento dell'inflazione, ma torniamo a una situazione di stabilità dei prezzi, il che è positivo", ha commentato Maechler.

 

NESSUN PIANO DI VALUTA DIGITALE

In altre notizie si dice che la BNS non abbia intenzione di introdurre una valuta della banca centrale digitale (CBDC), come riportato dal quotidiano economico svizzero. Anche Carlos Lenz, capo economista della BNS, ha recentemente affermato in una conferenza stampa dell'Associazione svizzera dei banchieri che non è necessario alcun franco digitale perché l'attuale sistema di pagamento funziona bene senza di esso. Lenz ha anche affermato che la tecnologia blockchain è inefficiente e la soluzione decentralizzata non è l'ideale. Alla luce delle ricerche in corso della BNS sulla CBDC, ciò potrebbe sorprendere. La Svizzera effettua ricerche sulle valute digitali delle banche centrali dal 2019 e nel 2020 la Banca dei regolamenti internazionali (BRI) ha completato un test sulla fattibilità di una CBDC, mentre proprio questo mese è stato avviato un progetto transfrontaliero su una valuta digitale con la Banca di Francia. Ma Lenz sottolinea in un commento alla stampa che il progetto Jura, come si chiama l'iniziativa con la Francia, è solo uno studio, non una realizzazione. “Non si tratta di implementazione a livello produttivo. Al momento non ci sono piani per introdurre denaro bancario digitale. Questo vale anche per il settore all'ingrosso ”- afferma Lenz.

 

ExchangeMarket.ch
ExchangeMarket.ch